1° Premio – Premio Pirenesi 2006 – Villa Adriana

Tivoli – 2006

 

A partire dal tema dato, “il sublime nella divinità di Antinoo”, è stata sviluppato l’intero percorso museale. Antinoo viene identificato con varie divinità tra cui Dioniso, Attis e Osiride. Il culto di queste divinità presenta carattere misterico con l’obiettivo di condurre l’individuo alla salvezza che viene raggiunta attraverso vari stadi di iniziazione che prevedono sacrifici, abluzioni, digiuni, banchetti caratterizzati dalla segretezza. Si è pensato quindi ad un percorso che richiami proprio un processo iniziatico! Si parte dunque dallo spazio al di sopra del Serapeo dove due pezzi rappresentanti Antinoo a capo coperto introducono il visitatore in una dimensione di silenzio e sacralità. Si passa tra gli ulivi, in un’area dove nessuno degli edifici della Villa è visibile, nulla è conoscibile e seguendo il muro si arriva al padiglione “Antinoo” dove l’allestimento statuario, organizzato secondo un andamento a spirale, disvela la trasformazione di Antinoo da uomo a dio; il padiglione è rigorosamente semi-buio. Usciti dal padiglione, il complesso di Roccabruna si rivela alla percezione del visitatore, ma è solo salendo sulla sommità attuale della torre che si scopre davanti a sé l’estensione delle campagne e la vista di Roma, questo è l’apice del disvelamento e della comprensione, si è giunti alla luce a alla salvezza.

Photo gallery